vitamina d

Vitamina D – La vitamina del sole

Vitamina D

La vitamina D, nota anche come vitamina del sole, fu identificata nel 17 ° secolo dal Dr. Daniel Whistler e dal Professor Francis Glisson quando scoprirono i fattori causali del rachitismo.

Intorno al 1920, Sir Edward Mellanby lavorò con cani allevati esclusivamente al chiuso. Ha escogitato una dieta che gli ha permesso di stabilire inequivocabilmente che il rachitismo era causato da una carenza di una traccia presente nella dieta e che l’olio di fegato di merluzzo (un’ottima fonte di vitamina D) era un efficace agente antirachitico.

Insieme alle vitamine A, E e K, la vitamina D è una vitamina liposolubile. La vitamina D si riferisce in realtà a diverse forme. Due forme importanti per l’uomo includono:

Vitamina D2 – derivata dalle piante
Vitamina D3  – derivata da prodotti animali e prodotta sulla pelle quando esposta alla luce solare.

Fonti di vitamina D

La vitamina D può essere sintetizzata nella pelle dopo l’esposizione alla luce ultravioletta o ottenuta dalla dieta da fonti alimentari o integratori.
Fonti di vitamina D includono prodotti di origine animale come olio di fegato di merluzzo, sardine, sgombri, aringhe, tonno, salmone, gamberi, latte e alcuni tipi di latte alternativo (riso, soia, mandorle, ecc.).

Alcuni ricercatori sulla vitamina D suggeriscono che circa 5-30 minuti di esposizione al sole tra le 10 e le 15 almeno due volte a settimana su viso, braccia, gambe o schiena senza protezione solare di solito porta a una sufficiente sintesi di vitamina D.

Gli individui con una limitata esposizione al sole devono includere buone fonti di vitamina D nella loro dieta o prendere in considerazione integratori per raggiungere i livelli di assunzione raccomandati.

Metabolismo

Come con molti nutrienti, la vitamina D viene assorbita nell’intestino tenue. Viene trasportata attraverso il sistema linfatico dai chilomicroni e immagazzinato nel fegato, nelle ossa, nel cervello e nella pelle.

La vitamina D ottenuta dall’esposizione solare, dal cibo e dagli integratori è inattiva e deve essere sottoposta a due idrossilazioni nel corpo per l’attivazione.

Funzioni ed effetti sulla salute

Una funzione primaria della vitamina D comprende l’assorbimento del calcio nell’intestino per la normale mineralizzazione dell’osso e per prevenire la tetania ipocalcemica. Inoltre, la vitamina D modula la crescita cellulare, la funzione neuromuscolare e immunitaria e l’infiammazione.

La vitamina D è stata ampiamente rivista per potenziali relazioni sulla salute che giustificano l’integrazione. Alcuni di questi includono la resistenza alle malattie croniche (come il cancro e le malattie cardiovascolari), i parametri fisiologici (come la risposta immunitaria o i livelli dell’ormone paratiroideo) e le misure funzionali (come la salute scheletrica, le prestazioni fisiche e le cadute).

Consigli

È generalmente riconosciuto che la carenza di vitamina D è un problema di salute in tutto il mondo che colpisce una vasta gamma di malattie acute e croniche. Gli individui dovrebbero cercare di ottenere concentrazioni ottimali di vitamina D da fonti alimentari, integratori ed esposizione al sole.

L’effetto della vitamina D sulla regolazione genica potrebbe potenzialmente spiegare perché la vitamina D abbia avuto benefici per la salute così ampi.

Aumentare la quantità di vitamina D di bambini e adulti in tutto il mondo è una strategia imperativa per migliorare la salute muscoloscheletrica e ridurre il rischio di malattie croniche, come cancro, malattie autoimmuni, malattie infettive, diabete (sia di tipo 1 che di tipo 2), disturbi neurocognitivi e mortalità.

Commenti

commenti